La versione del tuo browser è obsoleta. Consigliamo di aggiornare il browser alla versione più recente.

LA MEDIAZIONE

 

MediazioneMediazione

La mediazione è l’attività professionale svolta da un terzo imparziale e finalizzata ad assistere due o più soggetti sia nella ricerca di un accordo amichevole per la composizione di una controversia, sia nella formulazione di una proposta per la risoluzione della stessa.

La On Line Service è partner di ItalConcilia nell'attività di mediazione e, in qualità di Organismo di Formazione accreditato presso il Ministero della Giustizia, organizza corsi di formazione per Mediatori. Il mediatore, dopo l'attività formativa, potrà chiedere l'iscrizione a ItalConcilia per seguire le attività di tirocinio e quindi intraprendere la delicata professione del conciliatore.

 

Chi è il Mediatore
Il mediatore è la persona o le persone fisiche che, individualmente o collegialmente, svolgono la mediazione rimanendo prive, in ogni caso, del potere di rendere giudizi o decisioni vincolanti per i destinatari del servizio medesimo. Il mediatore è un professionista con requisiti di terzieta’. L’organismo dove il mediatore presta la sua opera è vigilato dal Ministero della giustizia.

 

Mediazione e Conciliazione
Mediazione e conciliazione sono termini strettamente correlati e in alcuni contesti coincidenti, ma hanno significati leggermente diversi.
La
mediazione è l’attività di chi si pone tra due contendenti per facilitarne l’accordo.
La
conciliazione è l’auspicabile accordo frutto della mediazione.
Mediazione e conciliazione sono quindi termini che possono essere usati quasi sempre in forma intercambiabile.


Il processo di mediazione
La mediazione è una procedura in cui un terzo neutrale assiste le parti nella ricerca di una soluzione al loro conflitto. Il mediatore non è un arbitro, non decide, ma aiuta le parti a comunicare e, grazie alla competenza in materia e all'uso di determinate tecniche, può ampliare la gamma delle soluzioni che le parti, negoziando da sole, non potrebbero prendere in considerazione senza la
visione esterna, oggettiva e creativa del mediatore.
Con questa procedura le parti sono coinvolte nella soluzione della controversia (che non è calata dall'alto, come una sentenza o un lodo arbitrale). È una procedura che permette di prendere piena coscienza delle eccezioni “dell’altro”, dei suoi interessi e dei suoi bisogni, perché, per arrivare a raggiungere soluzioni creative, è necessario conoscere tutte le motivazioni delle parti e non fermarsi alle prese di posizione iniziali.
 
Mediazione: tipi e modelli
Esistono due tipi di mediazione: facilitativa (in cui il mediatore, soggetto terzo, aiuta le parti a raggiungere un accordo, anche amichevole, in funzione dei rispettivi interessi delle parti) e aggiudicativa (in cui il mediatore, qualora l’accordo amichevole non venga raggiunto, propone comunque una risoluzione della controversia, che le parti restano libere di accettare o meno).
Esistono infine tre modelli di mediazione:

  • Obbligatoria. Quando è condizione necessaria per avviare un processo.
  • Facoltativa. Quando è scelta liberamente dalle parti.
  • Demandata dal giudice. Quando quest’ultimo invita le parti a risolvere il loro conflitto davanti a organismi di conciliazione.

Consulta il nostro catalogo formativo.

Iscriviti al nostro corso per mediatori da 54 ore (chiamaci allo 0971-1835715)

Iscriviti al nostro corso di aggiornamento per mediatori da 18 ore (clicca qui)

Visita il sito: www.italconcilia.it (Associazione Mediatori Professionisti)